L’unità di Cognizione, Movimento e Neuroscienze studia i meccanismi cognitivi e neuronali alla base della cognizione motoria. Per far questo, ci affidiamo a una varietà di metodi di ricerca, tra cui le tecniche di misurazione quantitativa del comportamento e le tecniche di neuroimaging.

Sulla base dell’assunto che gli stati mentali siano nascosti e quindi inaccessibili alla percezione, le tradizionali teorie della cognizione sociale si sono concentrate prevalentemente sul contributo di processi inferenziali di alto livello. Tuttavia, il modo in cui le persone si muovono e la maniera in cui interagiscono con l’ambiente, rivelano molto degli stati mentali delle persone. L’obbiettivo principale del nostro programma di ricerca è lo sviluppo di una nuova metodologia quantitativa per studiare la relazione tra il “mentale” e il “motorio”. Al momento, siamo particolarmente interessati ai seguenti temi:

  • L'efficacia della cinematica del movimento nel comunicare informazioni legate all’intenzione e l’uso attivo di queste informazioni da parte degli osservatori per comprendere e prevedere il comportamento degli altri;
  • I meccanismi che supportano l’azione e la percezione nel contesto dell’interazione sociale;
  • Il potenziale della cinematica del movimento per rivelare i processi decisionali;
  • La relazione tra esecuzione dell’azione e percezione dell’azione negli individui con disturbi dello spettro autistico.

Combinando metodi avanzati di psicofisica e di neuroscienze (inclusi fMRI e TMS) con le tecnologie della cinematica, cerchiamo di colmare il divario conoscitivo tra movimenti (osservabili) e stati mentali (non osservabili), fornendo evidenze e applicazioni efficaci sul piano scientifico, tecnologico e clinico.

Collaborazioni e Progetti

  • University of East Anglia (Andrew Bayliss) https://www.uea.ac.uk/psychology/people/profile/andrew-p-bayliss#researchTab
  • Cognitive Neuroscience Center, Università di Padova (Umberto Castiello)http://cnc.unipd.it/about/people/umberto-castiello/
  • Department of Psychology, King's College London (Caroline Catmur) https://kclpure.kcl.ac.uk/portal/caroline.catmur.html
  • Department of Psychology, Stanford University (Barbara Tversky) http://www-psych.stanford.edu/~bt/
  • Laboratory of Experimental Psychology, Katholieke Universiteit Leuven (Karl Verfaillie http://ppw.kuleuven.be/home/english/research/lep/Research/verfaillie
  • Neuroscience Group, Max Planck Institute of Psychiatry (Leonhard Schilbach)http://www.psych.mpg.de/2031238/schilbach